Temi

Bilancio e politiche finanziarie

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)

Comunicato stampa N° 195 del 2/5/2019

Consuntivo 2018, avanzo di 6 mln per strade e scuole
Criticità pensionamenti, versati allo stato 26 mln

I dipendenti della Provincia che entro il 2021 raggiungeranno i requisiti per la pensione sono in tutto 29 (di cui 13 con la quota 100) pari a quasi il 13 per cento del personale che è ora di 225 unità.

Un problema per l'ente rilevato nel consuntivo 2018, approvato nei giorni scorsi dall'Assemblea dei sindaci (astenuto Sandro Palazzi, sindaco di Finale Emilia) e dal Consiglio provinciale con l'astensione del gruppo Uniamoci e di Stefano Lugli, dove si definisce il calo del personale nei prossimi anni rappresenta una «criticità per le attività, dovuta ai tempi lunghi per le procedure di assunzione».

La Provincia rispetta l'obiettivo del bilancio in pareggio, non ha problemi di liquidità ma è in grado di finanziare con proprie risorse solo una quota residua degli investimenti, soprattutto utilizzando parte dell'avanzo disponibile che è di oltre sei milioni e mezzo di euro, scaturito da economie sull'acquisto di beni e servizi e risparmi sulle utenze delle scuole superiori, grazie anche agli investimenti sul risparmio energetico; gli investimenti su strade e scuole finanziati con l'avanzo saranno decisi nei prossimi giorni.  

Le attività aumentano dopo anni di blocco causato dai tagli: per strade e scuole superiori la Provincia ha speso nel 2018 quasi 53 milioni di euro che rappresentano quasi l'80 per cento delle risorse disponibili; gli investimenti sono arrivati a quasi 16 milioni di euro mentre quelli avviati e tuttora in corso superano i 18 milioni di euro, in gran parte finanziati da altri enti.

Sempre nel 2018 l'ente ha dovuto versare allo Stato 26 milioni di euro di tributi versati dai modenesi; si tratta di circa il 43 per cento delle entrate che non rimangono sul territorio, compensate solo in parte da contributi statali.

Le entrate tributarie derivanti dalla  Rcauto e dell'Ipt, quindi legate al mercato dell'auto, sono aumentate lo scorso anno di circa un milione euro su un totale di 54 milioni; tuttavia nel primo trimestre del 2019 si registra un brusco stop con un calo di oltre 300 mila euro, a causa del calo delle immatricolazioni.

Tra le spese del 2018 spiccano quelle per le manutenzioni stradali, la spalata neve e l'acquisto di sale, salite a oltre tre milioni e 200 mila euro e per la manutenzione, le utenze e i servizi delle scuole superiori, pari a oltre sei milioni di euro.

I pagamenti delle fatture ai fornitori, infine, sono stati eseguiti nel rispetto dei tempi contrattuali.

Scheda informativa

Scheda informativa
Data comunicato
2/5/2019
Numero
195
Ora
12
chiusura della tabella
Ufficio di riferimento
ufficio: ·› Area Amministrativa
··› Servizio Affari Generali e Polizia Provinciale
···› Ufficio Stampa
ProprietÓ dell'articolo
autore: ufficio stampa
data di creazione: giovedý 2 maggio 2019
data di modifica: venerdý 3 maggio 2019