News

Comunicati Stampa

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)

Comunicato stampa N° 269 del 16/03/2002

documento del consiglio sulla riforma della scuola
"progetto centralista, esclusi gli enti locali"

Il progetto di riforma della scuola presentato dal ministro Letizia Moratti non piace al Consiglio provinciale che sull’argomento ha approvato a maggioranza un documento dove si chiede al Governo "la rinuncia allo strumento della delega e l’avvio di un iter parlamentare che disciplini esclusivamente gli aspetti fondamentali dell’ordinamento scolastico tramite la definizione di una cornice entro la quale le Regioni possano esercitare la propria potestà legislativa".

Il documento, proposto della giunta, è stato approvato con il voto favorevole del centrosinistra (Ds, Margherita), mentre il centrodestra (An, FI, Lega nord e Ccd) è uscito dall’aula al momento del voto "per protestare – ha affermato il capogruppo di Forza Italia Massimo Bertacchi - contro una presa di posizione provocatoria che contiene solo disinformazione e non emendabile".

Nel documento, presentato da Claudio Bergianti, assessore provinciale all’Istruzione, si chiede anche "la consultazione preventiva sugli aspetti nodali della riforma di enti locali , docenti, studenti e famiglie".

Un ipotesi respinta con decisione da Poletti che si è dichiarato "contrario al metodo della concertazione, abbiamo consultato tutte le parti, poi abbiamo deciso. La riforma Berlinguer è stata osteggiata da tutte le componenti della scuola".

Per Giancarlo Barbieri (Ds) la riforma Moratti "sta creando un profondo malessere nella scuola", mentre per Mauro Biondi (Margherita) "il centrosinistra ha accettato sul tema della scuola il dibattito parlamentare, il centrodestra no". Critico sulla riforma anche Alfredo Silvestri (Rc) per il quale la proposta del Governo "peggiora una situazione resa già pesante dalla riforma Berlinguer".

Per Giorgio Barbieri (Lega nord), invece, "la riforma risponde alle esigenze degli studenti per un maggior rapporto tra scuola e lavoro", mentre per Cesare Falzoni (An) "la sinistra ha in mente solo un modello sovietico di scuola centralista".

Scheda informativa

Scheda informativa
Data comunicato
16/3/2002
Numero
269
Ora
12
chiusura della tabella
ProprietÓ dell'articolo
data di creazione: sabato 16 marzo 2002
data di modifica: giovedý 25 agosto 2005