News

Comunicati Stampa

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: News | · Comunicati Stampa · 2013 · Sport

Comunicato stampa N° 488 del 19/8/2013

ruzzolone\2 - il primo campionato modenese nel 1927
lancio fatto di pochi gesti, come un antico rituale

Il lancio del ruzzolone vanta un'antica tradizione. Da passatempo praticato specialmente durante i mesi invernali sull'Appennino, da una decina d'anni fa parte della Federazione italiana giochi e sport tradizionali (Figest) riconosciuta dal Coni.

Un tempo si giocava lungo strade in terra battuta e nei campi mentre ora sono stati costruiti appositi impianti sportivi che hanno conservato l'antica denominazione di treppi.

Oltre al disco di legno si lanciava il formaggio secco e, i premi, spesso, consistevano in qualche cosa di mangereccio che veniva consumato sul posto annaffiato con calici di buon vino. Talvolta si giocava anche denaro. I premi, ora, sono coppe e medaglie.

Il Lancio del ruzzolone non è un gioco solo di forza, richiede anche intelligenza a abilità. Il giocatore avvolge la cordicella intorno al bordo esterno del ruzzolone (un disco di legno del diametro di 25 - 27 centimetri e uno spessore di circa sei, per un peso non inferiore ai due chili), prende la rincorsa, toglie le dita dal rocchetto, il crock, lasciando srotolare la ruzzolone che parte velocemente per un lancio di 60 - 70 metri, ma che può raggiungere anche il centinaio. Pochi gesti, misurati e sapienti, scanditi secondo un rituale antico di secoli.

La prima testimonianza del gioco del ruzzolone è documentata nel XV secolo in Toscana. Nel 1702 gli Estensi lo proibirono "ai fini di non danneggiare le erbe dei siti medesimi" come si legge nell'intimazione del Duca di Modena, mentre nel 1761 il Governatore Luigi Sforza autorizza in tutto il Frignano il gioco del ruzzolone "con trottole di legno e con formaggio" ma solo nel periodo di Carnevale.

Il primo campionato provinciale modenese si disputò a Zocca nel 1927.

Il lancio del ruzzolone, insieme agli altri giochi tradizionali da strada (dalla morra alla piastrella, dalla lippa al tiro alla fune), è entrato anche nelle scuole elementari e medie. Esperti della materia impartiscono agli alunni lezioni teoriche e sul campo.

Scheda informativa

Scheda informativa
Data comunicato
19/8/2013
Numero
488
Ora
16
chiusura della tabella
Ufficio di riferimento
ufficio: ·› Area Amministrativa
··› Servizio Affari Generali e Polizia Provinciale
···› Ufficio Stampa
ProprietÓ dell'articolo
autore: ufficio stampa
data di creazione: lunedý 19 agosto 2013
data di modifica: lunedý 19 agosto 2013