News

Comunicati Stampa

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: News | · Comunicati Stampa · 2013 · Ambiente

Comunicato stampa N° 494 del 23/8/2013

inceneritore, raccomandazioni regionali rispettate
cambiata la classificazione, date e calcoli corretti

La Provincia di Modena ha rispettato le raccomandazioni dell'assessore all'Ambiente della Regione Emilia Romagna Sabrina Freda di non modificare, durante questa fase di transizione nella gestione dei rifiuti in attesa del Piano regionale, il bacino di riferimento da provinciale a regionale, utilizzando quanto previsto dalla legge regionale 23 del 2011 (dove viene stabilito, appunto, che il nuovo ambito ottimale di gestione passa, dal 1 gennaio 2012, da provinciale a regionale).

E anche sulla base di queste raccomandazioni la Provincia ha risposto in modo negativo, nell'aprile scorso, alla richiesta di modifica presentata da Herambiente, per avere la possibilità di ricevere rifiuti urbani da tutta la regione nell'inceneritore di Modena, richiesta che il gestore basava proprio sulla legge del 2011.

L'autorizzazione rilasciata lo scorso 14 agosto, invece, riguarda unicamente la modifica, come conseguenza di miglioramenti tecnici e gestionali certificati, della classificazione da impianto di smaltimento a impianto di recupero di rifiuti a fini energetici, come prevedono norme e regolamenti europei e nazionali. Una classificazione, peraltro, posseduta già da altri impianti sia in regione come Bologna e Ravenna che nel resto d'Europa, la quale solo come ricaduta, stabilita dalle norme in vigore, non prevede limiti di provenienza territoriale per il recupero di rifiuti urbani. Resta tuttavia l'impegno da parte di Herambiente con gli enti locali di non conferire al proprio impianto rifiuti provenienti da fuori regione.

I tecnici della Provincia, inoltre, spiegano che la legge consente il cambio di classificazione al raggiungimento di almeno il 60 per cento della massima energia recuperabile dai rifiuti agli impianti entrati in funzione entro il 2008, come quello modenese che al 31 dicembre di quell'anno era attivo.

I calcoli che hanno stabilito il superamento della soglia di efficienza energetica, oltre la quale un impianto viene classificato di recupero, sono stati verificati da un soggetto certificatore terzo, come richiesto dalla legge, e successivamente validati dai tecnici Arpa, su incarico della Provincia, con verifiche sia sui diversi fattori presi in esame nel calcolo stesso, ma anche sulla struttura dell'impianto, con verifiche sul campo.

Alla sezione dell'Arpa di Modena la Regione ha affidato la supervisione dei controlli su tutti i termovalorizzatori regionali.

Scheda informativa

Scheda informativa
Data comunicato
23/8/2013
Numero
494
Ora
15
chiusura della tabella
Ufficio di riferimento
ufficio: ·› Area Amministrativa
··› Servizio Affari Generali e Polizia Provinciale
···› Ufficio Stampa
ProprietÓ dell'articolo
autore: ufficio stampa
data di creazione: venerdý 23 agosto 2013
data di modifica: lunedý 26 agosto 2013