News

Comunicati Stampa

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)

Comunicato stampa N° 896 del 22/9/2011

carpi-novi, partiti i lavori sul fondo stradale
si iniettano resine contro buche e avvallamenti

Iniettare nel terreno, sotto il fondo stradale a più livelli di profondità, resine poliuretaniche per consolidare il sottosuolo prevenendo la formazione di avvallamenti e buche. E' questa la tecnica innovativa applicata per la prima volta nel modenese lungo un tratto di tre chilometri della strada provinciale 413 Romana nord tra Carpi e Novi all'altezza di Fossoli. I lavori sono partiti lunedì 19 settembre e giovedì 22 settembre si è svolto un primo sopralluogo per verificare i lavori al quale hanno partecipato Egidio Pagani, assessore alle Infrastrutture della Provincia di Modena, Enrico Campedelli, sindaco di Carpi, Luisa Turci, sindaco di Novi, tecnici provinciali e della ditta che realizza i lavori.

«Per risolvere definitivamente i problemi di instabilità della strada provinciale - spiega Pagani - abbiamo adottato una tecnica in grado di garantire una soluzione di lungo periodo, ma solo: i lavori dureranno solo due mesi e la strada non sarà mai chiusa, evitando eccessivi disagi alla circolazione in un'arteria fondamentale per questa area».

Le resine espandendosi compattano il terreno aumentando la rigidezza, quindi la stabilità del fondo. L'intervento è il frutto di un'analisi dei problemi dell'arteria, anche tramite immagini satellitari e prove penetrometriche fino a 20 metri di profondità. Sul tratto Carpi-Novi della provinciale, infatti, per la natura argillosa dei terreni che si rigonfiano e ritirano a seconda delle condizioni meteo, l'asfalto si deteriora velocemente provocando continui fenomeni di dissesto, buche, fenditure e avvallamenti.

Nel corso del sopralluogo Campedelli ha sottolineato l'importanza di risolvere i problemi del fondo stradale lungo un'arteria di grande rilievo per i collegamenti di tutta l'Unione Terre d'argine, mentre Turci ha evidenziato le ricadute positive anche sulla sicurezza della circolazione in un tratto caratterizzato da pericolose buche e avvallamenti.

Per consentire i lavori in prossimità del cantiere la circolazione avviene a senso unico alternato con velocità massima a 30 chilometri orari.

L'investimento è di oltre due milioni e 200 mila euro finanziati con le risorse che la società Autobrennero mette a disposizione delle Province attraversate dall'A22 per interventi sulla viabilità.

 

Scheda informativa

Scheda informativa
Data comunicato
22/9/2011
Numero
896
Ora
15
chiusura della tabella
Ufficio di riferimento
ufficio: ·› Area Amministrativa
··› Servizio Affari Generali e Polizia Provinciale
···› Ufficio Stampa
ProprietÓ dell'articolo
autore: ufficio stampa
data di creazione: giovedý 22 settembre 2011
data di modifica: giovedý 22 settembre 2011