News

Comunicati Stampa

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: News | · Comunicati Stampa · 2011 · Sociale e salute

Comunicato stampa N° 429 del 13/5/2011

profughi, circa 80 quelli accolti nel modenese

mercoledì 18 maggio si riunisce la cabina di regia

Sono ormai un'ottantina i profughi accolti a Modena nell'ambito dell'emergenza umanitaria coordinata dal Dipartimento nazionale di Protezione civile e che vede impegnati tutti i distretti del territorio provinciale che hanno definito, insieme alla Provincia, un Piano per ospitarne fino a 230 nella prima fase. In prevalenza si tratta di soluzioni per piccoli nuclei in strutture di alloggio individuate dai Servizi sociali dei Comuni con il supporto tecnico logistico della Protezione civile.

Mercoledì 18 maggio, inoltre, si riunirà la cabina di regia provinciale per ridefinire il Piano sulla base delle nuove indicazioni che ci si attende dal governo nazionale. Rispetto alle prime settimane dell'emergenza, infatti, è previsto un minore arrivo di migranti con permesso di soggiorno temporaneo, ma un aumento di persone con permesso di soggiorno per protezione umanitaria, quindi nelle condizioni potenziali di richiedente asilo.

Nel capoluogo, per esempio, oltre alla trentina di immigrati presenti sul territorio con permesso di soggiorno temporaneo di cui si è fatto carico il Comune, sono stati accolti dieci profughi provenienti dalla Costa D'Avorio, mentre due nigeriani fuggiti dalla Libia sono ospitati a Guiglia.

A Mirandola è stata accolta una famiglia di sei somali con una bimba di due mesi. Nell'Area nord erano già stati accolti quattro profughi ospitati a San Felice, al centro accoglienza di San Biagio gestito dall'associazione Il Porto.

A Castelfranco sono stati accolti sette profughi, a Sassuolo tre (in un alloggio temporaneo messo a disposizione dal Comune), mentre altri quattro sono previsti in arrivo a Formigine e tre a Vignola.

I primi ad arrivare nel modenese sono stati, il 16 aprile, i dieci tunisini accolti al centro di Cortile di Carpi, alcuni dei quali sono poi usciti dal percorso di accoglienza. Lo smistamento nei diversi comuni è stabilito sulla base delle caratteristiche delle persone in arrivo (nazionalità, presenza di famiglie, di donne, di minori) rispetto alle tipologie delle strutture di accoglienza individuate nel Piano.

Scheda informativa

Scheda informativa
Data comunicato
13/5/2011
Numero
429
Ora
13
chiusura della tabella
Ufficio di riferimento
ufficio: ·› Area Amministrativa
··› Servizio Affari Generali e Polizia Provinciale
···› Ufficio Stampa
ProprietÓ dell'articolo
autore: Ufficio stampa
data di creazione: venerdý 13 maggio 2011
data di modifica: venerdý 13 maggio 2011