News

Comunicati Stampa

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: News | · Comunicati Stampa · 2006 · Agricoltura

Comunicato stampa N° 1635 del 7/12/2006

agricoltura, ecco gli indirizzi al piano di sviluppo

qualificazione dei prodotti e sostegno al settore

Qualificare le filiere delle quattro eccellenze modenesi (Parmigiano Reggiano, Aceto balsamico tradizionale, prosciutto di Modena e Lambrusco) e di altri prodotti tipici anche con attività di promozione e agevolando i momenti di incontro tra domanda e offerta. Ma anche sostenere l’occupazione (con particolare attenzione per le donne e i giovani) e contrastare l’abbandono del settore e del territorio, a partire dalla montagna. Sono le priorità contenute negli indirizzi per il Piano di sviluppo rurale e per il Prip, il suo strumento attuativo a livello provinciale, approvate dalla giunta della Provincia di Modena su proposta del vice presidente Maurizio Maletti e dell’assessore all’Agricoltura Graziano Poggioli.

Nel periodo 2007-2013 ammonteranno a 934 milioni di euro le risorse pubbliche a disposizione degli agricoltori della regione per migliorare la competitività, difendere l’ambiente, diversificare le attività e innovare la produzione. I fondi, in parte provenienti dall’Unione europea, attiveranno investimenti privati per circa un miliardo di euro. La giunta regionale nei giorni scorsi ha varato il Piano di sviluppo rurale, che ora dovrà essere approvato dall’Assemblea legislativa per poi passare alla Commissione europea, mentre alle Province sarà affidata la gestione, attraverso i Prip, di circa il 65 per cento dei fondi.

«Il Prip di Modena – annuncia il vice presidente Maletti – sarà definito con un forte coinvolgimento delle associazioni professionali e degli operatori del settore e del Cesp, la Conferenza economica e sociale provinciale, così come dei Comuni e delle Comunità montane». Le priorità indicate negli indirizzi sono accompagnate da una sottolineatura «per la tutela della biodiversità e la valorizzazione delle distintività delle nostre produzioni» precisa l’assessore Poggioli ricordando anche l’opportunità dell’agro-energia («da approfondire e sperimentare») e ribadendo l’attenzione trasversale dedicata alla montagna dove si coniugano «agricoltura e difesa del suolo con turismo, ambiente, paesaggio e ricettività».

Scheda informativa

Scheda informativa
Data comunicato
7/12/2006
Numero
1635
Ora
12
chiusura della tabella
Ufficio di riferimento
ufficio: ·› Area Amministrativa
··› Servizio Affari Generali e Polizia Provinciale
···› Ufficio Stampa
ProprietÓ dell'articolo
autore: Ufficio stampa
data di creazione: giovedý 7 dicembre 2006
data di modifica: giovedý 7 dicembre 2006