News

Comunicati Stampa

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: News | · Comunicati Stampa · 2005 · Sport

Comunicato stampa N° 1176 del 07/09/2005

"tenniseum" / 2 - la mostra al palazzo comunale
un secolo di tennis a modena nelle foto d’epoca

Una Slazenger degli anni Venti utilizzata dalla nazionale francese vincitrice della Coppa Davis (quella dei celebri "moschettieri" Lacoste, Cochet, Borotra e Brugnon) e una Darsonval prodotta negli anni Trenta dall’allenatore di Lacoste. Arrivano direttamente dal museo del Roland Garros di Parigi e accoglieranno i visitatori della mostra sui 100 anni di tennis a Modena allestita nel Palazzo comunale in piazza Grande in occasione della tre giorni di "Tenniseum". La mostra è aperta nei tre giorni della manifestazione, dalle 8 alle 13 e dalle 15 alle 18. L’ingresso è gratuito.

E’ lunga un secolo la storia del tennis a Modena. Una storia che inizia nel 1906, quando il tennis esce dai campi privati delle ville signorili per la prima esibizione pubblica, prosegue con la nascita dei club cittadini (il primo fu negli anni trenta il Lawn tennis club, l’attuale Tennis Modena di viale Monte Kosica), fino al boom degli anni Sessanta quando questo sport nobile e fino ad allora elitario, diventa un fenomeno di massa.

Attraverso un cinquantina di immagini scovate dai curatori Davide Berti e Paolo Battaglia negli archivi privati di collezionisti e appassionati, la mostra ripercorre vicende e personaggi che hanno caratterizzato l’evolversi del tennis a Modena fino alle imprese odierne del sorelle Serra Zanetti.

"Si tratta di un’anticipazione – spiegano gli autori – del volume a cui stiamo lavorando che raccoglierà immagini e storie dei primi 100 anni di tennis a Modena. Invitiamo fin d’ora collezionisti e appassionati a mettere a disposizione le immagini rivolgendosi alle Raccolte fotografiche Panini".

Tra i tanti volti del tennis modenese c’è quello sorridente di Wally Sandonnino, figlia di Claudio, autentico pioniere del tennis modenese che negli anni Trenta portò in città la terra rossa. Fu lei ha insegnare i primi rudimenti del tennis a un giovanissimo Adriano Panatta.

Scheda informativa

Scheda informativa
Data comunicato
7/9/2005
Numero
1176
Ora
12
chiusura della tabella
ProprietÓ dell'articolo
data di creazione: mercoledý 7 settembre 2005
data di modifica: lunedý 20 febbraio 2006