News

Comunicati Stampa

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: News | · Comunicati Stampa · 2004 · Agricoltura

Comunicato stampa N° 1126 del 10/11/2004

quote viticole dalla sicilia, truffa svelata
grazie alla denuncia della provincia di modena

Le indagini delle sezioni di Polizia giudiziaria della Guardia di Finanza di Caltanisetta e di Siracusa, denominate "Operazione Bacco", che per ora hanno portato 13 persone in carcere o ai domiciliari con l’accusa di truffa ai viticoltori di diverse regioni, sono partite dalla denuncia contro ignoti presentata dalla Provincia di Modena il 30 gennaio dello scorso anno. Tra le vittime della presunta truffa anche quattro modenesi che avevano acquistato diritti di reimpianto complessivamente per circa 18 ettari "provenienti" dalla provincia di Siracusa. Nell’indagine sono state utilizzate anche intercettazioni telefoniche.

L’intervento della Provincia ha permesso di evitare che altri viticoltori modenesi rimanessero vittima della stessa organizzazione. All’area Agricoltura dell’ente, infatti, erano già state presentate due richieste di autorizzazione sempre "provenienti" dalla provincia di Siracusa (quasi 10 ettari) e altre otto dalla provincia di Caltanisetta. Queste dieci sono state archiviate una volta accerta la falsità amministrativa dei documenti prodotti in precedenza.

Le quattro autorizzazioni, poi revocate, erano state concesse, infatti, sulla base della documentazione proveniente dall’Ispettorato provinciale per l’agricoltura di Siracusa che confermava la validità dei diritti di reimpianto trasferiti ai viticoltori modenesi. Solo in un secondo tempo, dopo approfondimenti svolti dagli uffici della Provincia, è stata accertata la falsità della corrispondenza inviata dall’Ispettorato siciliano in risposta alle richieste modenesi ed è stato possibile bloccare le nuove autorizzazioni già richieste, oltre a rendere necessaria l’adozione dei provvedimenti di autotutela e a procedere con la denuncia contro ignoti che, insieme ad analoga denuncia presentata dall’Ispettorato di Siracusa, ha dato il via alle indagini che, dopo gli interrogatori e le perquisizioni degli ultimi giorni, potrebbero portare a ulteriori sviluppi.

La Provincia di Modena si riserva di costituirsi parte civile nel processo che verrà istruito nei confronti di coloro che il procedimento penale riconoscerà come responsabili dei fatti.

Scheda informativa

Scheda informativa
Data comunicato
10/11/2004
Numero
1126
Ora
12
chiusura della tabella
ProprietÓ dell'articolo
data di creazione: mercoledý 10 novembre 2004
data di modifica: giovedý 25 agosto 2005