News

Comunicati Stampa

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)

Comunicato stampa N° 1388 del 05/12/2003

modena, osservatorio sul lavoro e sull’occupazione
nel modenese una occupazione da record, ecco i dati

Il mercato del lavoro modenese è molto attivo, con un tasso di disoccupazione basso (3,1 per cento) e un tasso di occupazione molto alto (61,5 per cento) caratterizzato da una forte presenza femminile. Sono alcuni dei dati che emergono dalla prima relazione semestrale dell’Osservatorio provinciale sul mercato del lavoro realizzato dall’assessorato al lavoro della Provincia di Modena.

I dati raccolti in una pubblicazione - e reperibili anche sul portale del lavoro provinciale all’indirizzo www.lavoro.provincia.modena.it - sono stati presentati venerdì 5 dicembre ai componenti della Commissione provinciale tripartita per le politiche del lavoro nonché ai sindaci, agli assessori al Lavoro e alle attività produttive dei Comuni di Modena, Carpi, Sassuolo, Vignola, Mirandola e Pavullo.

"Il nostro Osservatorio - sottolinea Giorgio Razzoli assessore al Lavoro della Provincia - permette, per la prima volta, di avere un dato sulla occupazione e sulla disoccupazione a livello distrettuale, dando ai territori un importante punto di riferimento per la loro programmazione economica".

Tra i disoccupati quasi il 60 per cento delle persone intervistate risulta iscritta ai Centri per l’impiego. Le donne, comunque, rappresentano quasi due terzi dei disoccupati e desiderano spesso un lavoro part-time ma non lo trovano. Tra i lavoratori con contratto di collaborazione coordinata continuativa (circa 30 mila secondo dati Inps), però, le donne rappresentano oltre il 60 per cento. I Cococo modenesi operano prevalentemente (72 per cento) nei comparti del commercio e dei servizi, in particolare con consulenze e incarichi professionali nelle attività culturali e di formazione.

Le persone disoccupate – secondo le rilevazioni semestrali effettuate dall’Osservatorio provinciale – mirano a un contratto a tempo indeterminato, mentre pochissimi (il 2,2 per cento) vorrebbero un contratto di collaborazione. Insomma, concludono gli esperti, il lavoratore mira alla sicurezza ma non la trova. Buona parte (46 per cento) dei laureati e dei diplomati non ritengono il proprio lavoro adeguato al titolo di studio.

"Grazie a questo nuovo strumento - sottolinea l’assessore Razzoli - si potranno approfondire sempre meglio le caratteristiche degli occupati a Modena: dal settore di attività al tipo di professione, dai trasferimenti per lavoro fatti sul territorio provinciale, fino alla intenzione o meno di cercare una nuova occupazione".

Nei primi nove mesi del 2003 sono stati avviati al lavoro 155 disabili (per il 56 per cento donne), con una netta prevalenza di destinazione nel settore privato. Resta confermato il trend degli anni precedenti per quanto riguarda la durata dell’occupazione: l’87 per cento circa dei disabili avviati nel 2002 risulta ancora occupato dopo 12 mesi.

Per quanto riguarda gli stranieri il numero in termini di avviamenti al lavoro è raddoppiato in quattro anni, la quota delle donne è in costante aumento anche se lontana dalla parità raggiunta dalle donne comunitarie. Sono presenti non solo in agricoltura e in industria ma sempre più nei servizi, specie nelle aziende di lavoro interinale. Poi altre conferme: sono più giovani della media e hanno basso livello di istruzione visto che non viene riconosciuto il loro titolo originario.

Scheda informativa

Scheda informativa
Data comunicato
5/12/2003
Numero
1388
Ora
12
chiusura della tabella
ProprietÓ dell'articolo
data di creazione: venerdý 5 dicembre 2003
data di modifica: giovedý 25 agosto 2005