News

Comunicati Stampa

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)

Comunicato stampa N° 864 del 13/08/2003

stagione venatoria 2003-2004 - 1 \ l’1 settembre preapertura
il 21 settembre al via la caccia alla selvaggina tradizionale

Da domenica 21 settembre prenderà il via, con sei mezze giornate di preapertura in tutti e tre gli Atc (Ambiti territoriali di caccia), la stagione venatoria 2003-2004 nella quale, fino al 31 gennaio 2004, saranno impegnate sul modenese circa dieci mila doppiette di cui circa sette mila residenti in provincia.

Lo ha stabilito la Giunta della Provincia di Modena varando, nelle scorse settimane, il calendario provinciale che regola la stagione di caccia 2003 – 2004 e ha come punto di riferimento normativo il calendario venatorio regionale (poliennale, vale fino al 2006) approvato dalla Regione Emilia Romagna (legge regionale 14 del 2002).

Da sabato 16 agosto, in forma esclusivamente selettiva e secondo quanto previsto dai piani di prelievo approvati dalla Provincia, prende il via la caccia agli ungulati (caprioli e daini).

In preapertura (1, 4, 7, 11, 14 e 18 settembre) nei tre Atc si cacceranno (con carniere più ridotto rispetto a quelli generalmente previsti) gazze, ghiandaie, cornacchie e tortore selvatiche. Mentre nell’Atc Modena-2 si aggiungerà anche il merlo. Da domenica 21 settembre, invece, si potrà cacciare anche la fauna stanziale ovvero si cacceranno lepri, fagiani (cacciabili fino al 7 dicembre fatta eccezione nell’Atc Modena-3 dove il divieto scatta il 10 ottobre) e uccelli acquatici (anatre e trampolieri). Dal 21 settembre e per le due settimane successive si potrà cacciare (al massimo fino alle ore 13) solo nelle giornate di giovedì e domenica: dopo tali due settimane il cacciatore potrà cacciare per tre giornate settimanali a scelta con le quali ogni cacciatore può programmare la propria attività.

Da sabato 16 agosto al 18 settembre è consentito l’addestramento e allenamento dei cani: quest’anno è possibile anche l’attività anche a mute di cani fino al massimo di sei esemplari.

Da mercoledì 1 ottobre fino al 31 gennaio 2004, si svolge la caccia al cinghiale. In questo lasso temporale (per non più di tre mesi consecutivi) gli Atc e Afv hanno l’opportunità di svolgere tutte le forme di caccia al cinghiale previste dal regolamento (selettiva, girata e braccata).

Occorre ricordare che la starna e la pernice rossa sono protette in tutto l’Atc Modena-1 e Modena-3, ma anche nell’Atc Modena-2 è aumentata l’area di divieto che comprende le zone destinate al progetto speciale di ripopolamento in corso dal 1992. Tali aree sono comprese nei comuni di Savignano, Guiglia e Zocca e in parte in quelli di Spilamberto, Vignola, Castelvetro, Marano e Pavullo. Nell’Atc Modena-2 pernice e starna sono cacciabili fino al 16 ottobre e non è possibile abbattere complessivamente più di due capi ogni giornata.

I cacciatori modenesi stanno ritirando nei Comuni di residenza il tesserino regionale, un libretto dove ogni cacciatore potrà più facilmente trascrivere negli appositi spazi oltre la data, la sigla dell’Atc o Afv anche il tipo di caccia svolto quel giorno (da appostamento o vagante). Pertanto i cacciatori troveranno nei Comuni due calendari, da usarsi necessariamente assieme: quello regionale dovrà essere usato per le disposizioni regionali che la Provincia non ha modificato, quello provinciale espone solo le modifiche valide per il modenese.

Infine i fucili semiautomatici a canna liscia - in ottemperanza delle norme Unione europea - dovranno essere muniti di appositi limitatori di colpi che non potranno contenere più di due cartucce. Inoltre per la caccia ad appostamento temporaneo si possono usare solo strutture prefabbricate: si può abbattere solo fauna migratoria.

Scheda informativa

Scheda informativa
Data comunicato
13/8/2003
Numero
864
Ora
12
chiusura della tabella
ProprietÓ dell'articolo
data di creazione: mercoledý 13 agosto 2003
data di modifica: giovedý 25 agosto 2005