News

Comunicati Stampa

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)

Comunicato stampa N° 1233 del 25/10/2003

castelfranco - escavazione di ghiaia oltre i limiti
subito chiusa la cava, pesanti sanzioni in arrivo

Mentre un escavatore asportava ghiaia da una cava oltre i quantitativi autorizzati, una ruspa riempiva immediatamente di terra la voragine, nella speranza di eludere i controlli. Ma durante un sopralluogo i tecnici dell’ufficio Controlli cave della Provincia di Modena hanno scoperto la violazione, bloccando immediatamente i lavori.

E’ accaduto nei giorni scorsi a Castelfranco Emilia nel polo estrattivo in località La California dal quale estrae, con regolare autorizzazione, sabbia e ghiaia destinate soprattutto ai lavori dell’Alta velocità ferroviaria nel tratto modenese.

L’attività è tuttora bloccata in attesa di ulteriori rilievi tecnici, sempre da parte della Provincia, che saranno inviati al Comune, competente per le sanzioni amministrative.

Dal sopralluogo, al quale hanno partecipato anche i vigili urbani di Castelfranco Emilia, è emerso che gli operatori erano arrivati a scavare a una profondità di 16 metri, quando il limite consentito è di 10 metri.

Dalle prime stime tecniche la ghiaia asportata senza autorizzazione risulta pari a circa 3.800 tonnellate per un valore commerciale di quasi 36 mila euro, cifra in base alla quale sarà stabilita la sanzione amministrativa, come prevede la legge regionale.

Oltre al danno ambientale l’operazione ha provocato anche una oggettiva situazione di pericolo per gli addetti alle lavorazioni, in quanto i profili della cava sono risultati estremamente ripidi.

Durante il sopralluogo sono state rilevate anche altre irregolarità come la chiusura con catena e lucchetto degli ingressi alla cava durante i lavori, pratica questa non consentita, il pericoloso accumulo di ingenti quantitativi di ghiaia ai bordi della cava, mentre diversi profili con i quali vengono modellati i versanti durate gli scavi sono risultati non regolari.

La vigilanza della Provincia si svolge su due fronti: verifiche costanti sulle cave dei Comuni convenzionati attraverso l’ufficio Controlli e la vigilanza sul rispetto delle norme di sicurezza per addetti ai lavori e cittadini (una competenza trasferita di recente dallo Stato alle Province) in tutti i poli estrattivi tramite i propri agenti di polizia mineraria.

I Comuni convenzionati sono 12 e rappresentano oltre la metà dell’attività estrattiva modenese: Modena, Campogalliano, Castelfranco Emilia, Concordia, Fiorano, Formigine, Frassinoro, Pavullo, Polinago, Riolunato, Sassuolo e Zocca (altri Comuni, tra cui realtà importanti come S.Cesario, eseguono questa attività autonomamente).

Scheda informativa

Scheda informativa
Data comunicato
25/10/2003
Numero
1233
Ora
12
chiusura della tabella
ProprietÓ dell'articolo
data di creazione: sabato 25 ottobre 2003
data di modifica: giovedý 25 agosto 2005