Bandi e Moduli

Avvisi pubblici / Bandi /Finanziamenti

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)

Bando per azioni rivolte al miglioramento della produzione e commercializzazione dei prodotti dell'apicoltura - annualità 2011

Immagine corrente

Il Reg. (CE) n. 1234/2007 del Consiglio del 22 ottobre 2007 “Organizzazione comune dei mercati agricoli e disposizioni specifiche per taluni prodotti agricoli” (regolamento unico OCM), contiene regole generali di applicazione delle azioni dirette a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dell’apicoltura.

Il Decreto del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali del 23 gennaio 2006 ha approvato le linee guida per l'attuazione di azioni di miglioramento della produzione e della commercializzazione dei prodotti dell'apicoltura, che stabiliscono che tali azioni siano attuate attraverso un Programma nazionale triennale composto dai sottoprogrammi triennali elaborati dalle Regioni ed articolati per stralci annuali;

La Regione Emilia-Romagna, in applicazione di quanto previsto dal Reg.CE 1234/07, ha approvato con Delibera di Giunta Regionale n. 2057/2010, pubblicata sul BUR della  Regione Emilia Romagna del 5 Gennaio 2011, l’Avviso Pubblico definitivo per la presentazione di domande di finanziamento per azioni dirette al miglioramento della produzione e della commercializzazione dei prodotti dell’apicoltura per l’annualità 2011.

Coloro i quali abbiano presentato la pre-domanda di cui alla deliberazione n. 1129/2010, dovranno presentare domanda definitiva, integrando eventualmente la documentazione allegata.

Le domande di aiuto devono essere compilate a SOP, protocollate, stampate e successivamente presentate in forma cartacea entro e non oltre le ore 12.00 del 7 marzo 2011, corredate della documentazione, all'Ente delegato in cui il richiedente ha sede legale: Unioni di comuni o Comunità Montana del Frignano per i Comuni che ne fanno parte, Provincia di Modena per il rimanente territorio.

 

Tra le note di rilievo si fa presente che:

  • Il contributo per l'acquisto di sciami è rivolto anche alle aziende che hanno esposto regolare denuncia per focolaio di peste americana o europea all’Autorità sanitaria competente e nei confronti delle quali è stata disposta la distruzione delle famiglie infette, secondo le disposizioni sanitarie vigenti;
  • Al fine di ottimizzare l’utilizzo delle risorse finanziarie a disposizione del presente avviso e garantire potenzialmente un maggior soddisfacimento delle richieste, è ammesso l’acquisto di arnie (antivarroa, e da nomadismo) per un numero non inferiore a 15 e non superiore a 150;
  • Le domande definitive dovranno essere presentate con le nuove modalità informatiche (SOP) stabilite da AGREA, e rese note dalla medesima Agenzia sul proprio sito (vedi lik qui a fianco).
Per l'annualità 2010-2011 sono ammesse a finanziamento solo le spese sostenute nel periodo compreso fra l'1 settembre 2010 e il 31 agosto 2011, e comunque dopo la presentazione della domanda (o pre-domanda).

Gli obiettivi del Programma  Regionale Triennale 2011-2013 sono

  • migliorare l'allevamento delle api e le attività connesse;
  • favorire la costituzione e l'applicazione in apicoltura del servizio di assistenza tecnica specialistica principalmente da parte delle forme associate;
  • migliorare lo stato sanitario degli alveari, favorire l'applicazione del Piano integrato igienico-sanitario per la tutela delle api in Emilia-Romagna, ed in modo particolare il risanamento, la profilassi e la cura degli allevamenti dalla varroasi;
  • incrementare e razionalizzare lo sfruttamento delle risorse nettarifere regionali ed extraregionali mediante la pratica del nomadismo;
  • favorire il miglioramento della qualità dei prodotti;
  • favorire il popolamento del patrimonio apicolo regionale e tutelare l'Apis mellifera di razza Ligustica;
  • favorire l'adozione e la divulgazione di programmi di ricerca a supporto di obiettivi di sviluppo del comparto.

Per il conseguimento degli obiettivi è prevista l'attuazione delle seguenti azioni, per ciascuna delle quali il Programma definisce l'entità dei contributi e i relativi beneficiari.

Azione A - Assistenza tecnica e formazione professionale degli apicoltori
(per l' annualità 2010-2011 l'intervento riguarda solo le sottoazioni A.1, A.2, A.3 e A.4. sotto descritte)


Sottoazione A.1 - riqualificazione, formazione ed aggiornamento
Contributo: 90% per corsi rivolti a privati, 100% per corsi rivolti a dipendenti di Enti pubblici
Beneficiari: Istituti di ricerca, Enti, Forme associate

Sottoazione A.2 - seminari, convegni, incontri divulgativi
Contributo: 100%
Beneficiari: Istituti di ricerca, Enti, Forme associate

Sottoazione A.3 - sussidi didattici, abbonamenti, schede, opuscoli informativi
Contributo: 90%
Beneficiari: Istituti di ricerca, Enti, Forme associate

Sottoazione A.4 - retribuzione del tecnico impiegato in programmi di assistenza tecnica e/o di supporto alle aziende
Contributo: 90%
Beneficiari: Istituti di ricerca, Enti, Forme associate

Sottoazione A.5 - individuazione e applicazione di tecniche avanzate per il trasferimento delle conoscenze sulle innovazioni in apicoltura

Contributo: 100%
Beneficiari: Istituti di ricerca, Enti, Forme associate

Azione B - lotta alla varroasi
Per l'annualità 2010-2011 l'intervento è limitato alle sottoazioni B.3 e B.4. sotto descritte

Sottoazione B.3 - acquisto di arnie specifiche antivarroa con fondo a rete (minimo 15 arnie)
Spesa massima ammissibile per arnia: euro 82,63
Contributo: 60%
Beneficiari: Apicoltori, imprenditori apistici, apicoltori professionisti e loro forme associate

Sottoazione B.4.1- irraggiamento con raggi gamma
Spesa massima ammissibile per unità di trattamento/bancale trattato: euro
160
Contributo: 50%
Beneficiari: Enti e forme associate

Sottoazione B.4.2 - acquisto di idonei presidi sanitari

Spesa massima ammissibile per alveare: euro 5,00
Contributo: 50%
Beneficiari: Enti e forme associate

Azione C - razionalizzazione della transumanza
Per l'annualità 2010-2011 l'intervento riguarda solo le sottoazioni C.1 e C.2


Sottoazione C.1 - mappatura di aree nettarifere e analisi della distribuzione floreale di interesse apistico
Contributo: 100%
Beneficiari: Istituti di ricerca, Enti, Forme associate

Sottoazione C.2.1 - acquisto di arnie specifiche da nomadismo

Spesa massima ammissibile per arnia: euro 82,63
Contributo: 60%
Beneficiari: Apicoltori, imprenditori apistici, apicoltori professionisti e loro forme associate

Sottoazione C.2.2 - acquisto di macchine, attrezzature e materiali vari
: carriola non meccanica (spesa massima ammissibile euro 129,11), muletto elevatore e similari (spesa massima ammissibile euro 13.000), gru (spesa massima ammissibile euro 13.000), supporti e bancali (spesa massima ammissibile euro 51,65), rimorchio (spesa massima ammissibile euro 3.615,20), sponda idraulica (spesa massima ammissibile euro 4.131,66)
Contributo: 50%
Beneficiari: Apicoltori, imprenditori apistici, apicoltori professionisti e loro forme associate

Sottoazione C.2.3 - acquisto di autocarri di portata non inferiore a 35 q a pieno carico, per la mobilizzazione delle arnie

Spesa massima ammissibile: euro 42.000,00
Contributo: 20%
Beneficiari: Apicoltori, imprenditori apistici, apicoltori professionisti e loro forme associate


Azione D - provvedimenti a sostegno dei laboratori di analisi del miele.

Per l'annualità 2009-2010 l'intervento riguarda solo la sottoazione D.3

Sottoazione D.3 - realizzazione di analisi fisico-chimiche, melissopalinologiche e residuali del miele
Spesa ammissibile: per analisi dei residui di presidi sanitari massimo euro 120; per analisi fisico chimiche dei parametri significativi del miele è ammesso un costo massimo di euro 250 ad analisi
Contributo: 80%
Beneficiari: Istituti di ricerca, Enti e forme associate

Azione E - provvedimenti di sostegno per il ripopolamento del patrimonio apicolo regionale

Sottoazione E.1 - acquisto di sciami, famiglie di api e api regine selezionate, attrezzature specifiche e materiale per la conduzione dell'azienda apistica da riproduzione

Spesa massima ammissibile per sciame: euro 70,00
Contributo: 50%
Beneficiari: Apicoltori, imprenditori apistici, apicoltori professionisti e loro forme associate

Azione F - collaborazione con organismi specializzati per la realizzazione di programmi di ricerca


Sottoazione F.1 - realizzazione da parte dell'Istituto Nazionale di Apicoltura di un programma di ricerca volto al miglioramento delle caratteristiche qualitative dei mieli e dei prodotti dell'alveare
Contributo: 100%
Beneficiari: Enti e Istituti di ricerca

Gli apicoltori e i produttori apistici singoli, associati o riuniti in cooperativa possono beneficiare dei contributi se sono in possesso dei seguenti requisiti:

  • partita IVA agricola o combinata
  • almeno 20 alveari censiti
  • in regola con la denuncia degli alveari prevista dal D.P.G.R. del 27 giugno 1986 n.394
  • in regola con le norme igienico-sanitarie previste per i locali di lavorazione dei prodotti dell'alveare, oppure, in alternativa, dimostrazione di operare in ambienti di terzi con le stesse caratteristiche. Una deroga per questo requisito è prevista nel caso in cui il richiedente svolga attività, a titolo prevalente, di allevamento a scopo commerciale di api regine e, pertanto, non sia dotato di specifico locale di lavorazione dei prodotti apistici;
  • iscritti all'Anagrafe delle Aziende Agricole

Le forme associate devono essere costituite da apicoltori/produttori apistici e l'attività economica prevalente deve essere rappresentata dall'attività apistica.

Relativamente agli interventi previsti nell'ambito dell'azione A - Assistenza tecnica e formazione professionale, della sottoazione B.4 - Acquisto degli idonei presidi sanitari, della sottoazione C.1 - Mappatura aree nettarifere e georeferenziazione degli apiari e dell'azione D - provvedimenti a sostegno dei laboratori di analisi, possono essere ammesse solo le forme associate (associazioni di produttori, cooperative, consorzi, società) che annualmente:

  • sono costituite da un numero minimo di soci apicoltori in possesso di Partita IVA - agricola o combinata - pari a 50 (con sede aziendale in Regione);
  • posseggono o controllano un numero di alveari censiti pari almeno al 5% del patrimonio apistico regionale (riferito all'ultimo dato ufficiale disponibile).

Per l'annualità 2010-2011, in deroga in via del tutto eccezionale, il suddetto requisito del 5% del patrimonio apistico regionale potrà scendere fino a 4% per cause di forza maggiore o circostanze eccezionali che determinano una riduzione significativa del patrimonio apistico posseduto o controllato da parte delle forme associate; tali circostanze dovranno essere debitamente documentate.

Il rispetto di tali requisiti non è necessario per le forme associate che intendono attuare gli interventi previsti nell'ambito delle sottoazioni B.3 (acquisto di arnie con fondo a rete) e C.2 (acquisto di attrezzature per l'esercizio del nomadismo).

Gli apicoltori e i produttori apistici che non hanno la partita IVA possono beneficiare - solo tramite le loro forme associate - esclusivamente dei contributi previsti dalle sottoazioni B.4 (trattamento del materiale apistico con raggi gamma) e D.3 (analisi chimico-fisiche del miele).

Scheda informativa

Scheda informativa per "Bando per azioni rivolte al miglioramento della produzione e commercializzazione dei prodotti dell'apicoltura - annualità 2011"
Tipologia
Bando / Avviso pubblico
Data attivazione
18/08/2010
Data di scadenza
05/03/2011
Termine per la presentazione delle domande
Persona referente
Riccardo Rebecchi
Funzionario
Tel. 059.209.386
 E-mail rebecchi.r@provincia.modena.it

chiusura della tabella

Documentazione allegata

Normativa

Delibera dell'Assemblea legislativa dell'Emilia-Romagna n. 13 del 20 luglio 2010
Approvazione del Programma regionale triennale 2011-2013 per l'apicoltura
data dell'ultimo aggiornamento: giovedý 9 settembre 2010
delibera_RER_13_2010.pdf (527Kb)

Allegati

Avviso Pubblico
Allegato alla Delibera di Giunta n. 2057 del 20/12/2010
data dell'ultimo aggiornamento: mercoledý 5 gennaio 2011
avviso05012011.pdf (88Kb)
ProprietÓ dell'articolo
data di creazione: mercoledý 8 settembre 2010
data di modifica: mercoledý 5 gennaio 2011